concerto - SPECIALVIDEO.TV

Vai ai contenuti

Menu principale:

concerto

 
 

Fabrizio Malaman

Nato a Este (PD), ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio di Musica "F.Venezze" di Rovigo, dove si è diplomato in Pianoforte, Organo e Composizione Organistica.

Ha preso parte attivamente a corsi Internazionali di perfezionamento e Interpretazione organistica

tenuti da maestri quali: A.Isoir (musica francese per Organo), M.Radulescu (1 corali di Lipsia-J.S.Bach), G.Litaize (I corali di C.Franck), L.F.Tagliavini (Antichi maestri Italiani).

Si è specializzato come accompagnatore di cantanti lirici, collaborando con molti artisti (G.Giacomini, R.Malatrasi, D.Cestari), associazioni del mondo operistico: Showa Academia Musicae - (Giappone), University of North Texas, College of Music Denton - (Texas-Usa), Accademia di Formazione Artisica Kairos - (Verona), e gruppi corali (Athestis Corus).
Come solista ha tenuto concerti in numerose città italiane, ha preso parte a varie Rassegne Musicali anche in formazioni cameristiche, riscuotendo riconoscimenti e unanimi consensi.
Ha inciso per le etichette discografiche Phoenix Classics e LOL Records. Attualmente è Organista e Direttore del Coro nella Basilica-Santuario "S.Maria delle Grazie" in Este (PD), e docente presso il Conservatorio "A.Steffani" di Castelfranco Veneto (TV).
Ludovica Bello
Nata il 26 novembre 1987, si sta per laureare con laurea triennale in canto lirico presso il conservatorio "F.Venezze" di Rovigo. Nel 2005 è entrata a far parte del "Coro del Teatro G.Verdi" di Padova, svolgendo un'intensa attività concertistica di tipo operistico. Dal 2006 collabora con l'ottetto "Neomenia Ensemble"sotto la direzione del M°Alberto Padoan in numerosi concerti con repertorio che spazia dalla musica antica alla contemporanea. Nello stesso anno si è esibita come solista nel "Magnificat" di Scarlatti sotto la direzione del M°G.Mazzucato. Nel 2007 è entrata a far parte dell-Athestis Chorus" sotto la direzione del M°Filippo Maria Bressan e del M°Alessandro Toffolo, cantando sia repertorio operistico ("La Bohème" di Puccini e "Così fan tutte" di Mozart) sia barocco("Alexander's feast"e "Messiah"di Haendel) e contemporaneo. E'stata scelta come Strabinio nel cast alternativo dell'opera "l'impresario in angustie" di D.Cimarosa al concorso "la Bottega dell'Opera" dell'Accademia Lirica Fiorentina "D.Cimarosa". Si esibisce come contralto solista nel Gloria di Vivaldi al Grande Concerto di San Marco presso la chiesa san Marco di Mira Porte e nella chiesa di Carpendo(VE). Nel 2008 canta nel ruolo di Suora Infermiera nella "Suor'Angelica" di G.Puccini presso il Piccolo Teatro don Bosco di Padova, opera poi riproposta presso il teatro di Nowy Sacz, Polonia, in occasione del Festival "Wacacje z Muzyca 2008". Nel Settembre 2008 debutta nel ruolo di Dorabella nel "Così fan tutte" di W.A.Mozart presso il Piccolo Teatro don Bosco di Padova. È contralto solista nel Meeresstille op. 112 e nella Fantasia Corale op. 80 di L.V.Beethoven presso il Teatro di Udine nel gennaio 2009 sotto la direzione del M° F. Da Ross. Nel maggio 2009 debutta nell'opera da camera "La conchiglia di Visnù" in prima esecuzione assoluta di Maurizio Deoriti sotto la direzione del M° Silvia Massarelli al teatro studio di Rovigo. Nel giugno dello stesso anno è ancora Dorabella a Rovigo presso Palazzo Roverella, a Badia Polesine e a Castelmassa. Nell'ottobre del 2009 debutta come Cherubino nell'opera "Le nozze di Figaro" di W.A.Mozart.


Fabrizio Da Ros
Ha studiato alla facoltà di Scienze Musicologiche (con indirizzo Organologico), all'interno della Scuola di Paleografia e Filologia musicale dell'Università di Pavia (con sede a Cremona). Si diploma nel 2005 in violoncello presso il Conservatorio "A. Steffani" di Castelfranco Veneto, sotto la guida del M° W. Vestidello. Si sta diplomando con M° D. Renzetti al corso triennale di Alto Perfezionamento per Direttori d'Orchestra dell'Accademia Musicale Pescarese. Dal 2000-2004 ha studiato la tecnica vocale con il m° A. A. Gussev a Milano e dal 2006 si perfeziona in Canto lirico con il celebre tenore M° W. Matteuzzi.

Ha cantato come corista sotto la guida di famosi Direttori d'Orchestra quali E. Inbal, P. Maag, R. Buchbinder, M. Haselbbck, O. Dantone, P. Fournier, R. Abbado, U. Benedetti Michelangeli, M. W. Chung, R. Goebel N. Jàrvi e F. M. Bressan, S. Balestracci nelle più importanti sedi concertistiche italiane ed europee.

Come solista debutta nel 2004 nei Carmina Burana di C. Orff con l'Orchestra Sinfonica di Dobbiaco diretta dal M° S. Lloyd nella Sala Mahler di Dobbiaco. Nel maggio 2006 ha cantato nel Flauto Magico (Oratore,schiavo) al Teatro Olimpico di Vicenza con la direzione del m° T. Rigon e la regia di M. Gandini,
Nel 2008 vince il IX Concorso Nazionale "Città di Pistoia".

Nel 2008 ha cantato La Bohème(Marcello) al Teatro "Masini" di Faenza e La  Traviata (G. Germont) al Teatro di Pergine sotto la guida del maestro D. Agiman. Ha cantato inoltre in Pagliacci (Silvio) a Cison di Valmarino (TV) sotto la direzione del m° M. Roveri.

Affianca al repertorio operistico quello cameristico e oratoriale.
Ha inciso per RIVOALTO, RAINBOW, TACTUS, ARTS, AMADEUS,  BONGIOVANNI e HYPERION.












Antonio Bortolami

Nato a Padova, intraprende giovanissimo lo studio dell'organo presso il Conservatorio "C. Pollini" di quella città, diplomandosi a pieni voti sotto la guida di Giuseppe De Donà.

Partecipa in seguito a numerosi corsi di perfezionamento e seminari  sull'interpretazione presso l'Accademia di Musica Italiana per Organo di Pistoia, quindi a Cremona e Verona, con Michel Chapuis, Harald Vogel, Ewald Kooiman, Michael Radulescu, Daniel Roth. Ha studiato in seguito direzione d'orchestra presso l'Istituto Musicale Benvenuti in Conegliano con Ludmil Descev (già Direttore dell'Opera di Stato di Sofia) e con Vram Tchiftchian ed ha debuttato alla guida dell'Orchestra da Camera di Sofia e con l'Orchestra Filarmonica di Shoumen, Bulgaria.
Collabora per diversi anni con l'Università di Padova in una serie di lezioni  concerto per il Progetto Formazione Continua, tenute dal M° Alfredo Mandelli; ha collaborato inoltre con l'Orchestra Giovanile del Conservatorio "Pollini" diretta dal M° Giuseppe Marotta, con l'Orchestra del Teatro "La Fenice" (J. Tate, Z. Pesko, C. Thielemann), con il coro da camera del Concentus Musicus Patavinus diretto dal M° Franco Facchin, con il Gruppo Vocale "La Stagione Armonica" diretto dal M° Sergio Balestracci, con il coro Ergo Cantemus e l'Athestis Chorus, diretti dal M° Filippo Maria Bressan, con il Coro del Teatro Verdi di Padova diretto dal M° Ubaldo Composta, il coro Città di Padova (del quale è co-fondatore) diretto dal M° Dino Zambello, il Coro Bach diretto dal M° Antonio Domenighini e con la Civica Banda Musicale di Padova diretta dal m° M. Bazzoli. Si esibisce come solista e come continuista in varie località italiane ed estere (Svizzera, Spagna, Slovenia, Germania), e, fino al 2007, ha collaborato nel campo del canto gregoriano con la Schola Gregoriana di Venezia (M° Lanfranco Menga), primo premio alla rassegna internazionale di Arezzo del 2001. Dal 1996 è direttore del gruppo universitario "Coro Grande" del Concentus Musicus Patavinus, Università degli Studi di Padova, e, dal 2002 fino al 2005, ha condotto anche il laboratorio corale del Liceo "Galilei" di Caselle di Selvazzano, con la collaborazione della Prof.ssa Alessandra Zanella. Dal 1986 al 2002 è stato organista della Chiesa di S. Maria dei Servi in Padova. Dal 1990 è organista collaboratore presso la Pontificia Basilica del Santo in Padova.

Insegna Pianoforte e Organo presso la Scuola Diocesana di Musica e Liturgia  di Padova, diretta da Don Massimo Canova.

E' attivo inoltre nel campo del restauro e della valorizzazione degli organi storici presenti sul territorio nazionale, nonché nella consulenza e progettazione degli strumenti nuovi.
Alberto Padoan

Si è diplomato in Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio Statale di Musica "F. Venezze" di Rovigo sotto la guida del M° R. Menichetti; in Clavicembalo con la Prof.ssa Maria Luisa Baldassari; in acustica musicale e accordatura con il Prof. Agostino Montalbano. Ha frequentato seminari di interpretazione sulla musica antica con il M° L.F.Tagliavini e corsi di interpretazione di letteratura tedesca per Organo con i Maestri: H.Vogel, G. Bovet e J. Boyer.
Nel maggio del 2002 ha inaugurato il nuovo organo della città di Tapolca (Ungheria).

Presso il Seminario Minore di Padova ha conseguito il diploma in Liturgia e  Direzione corale con il M° Padre Fulvio Rampazzo, M° Giovanni Vanzin, M° Gianmartino Durighello.

Ha frequentato corsi di direzione corale sulla polifonia antica con il M° Giovanni Acciai, sulla polifonia romantica e del novecento con il M° Pier  Paolo Scattolin. Ha frequentato l'Accademia internazionale per giovani direttori di coro con il M° Gary Graden (Svezia). Ha studiato Direzione di Coro con il M° Filippo Maria Bressan. In qualità di maestro del coro ha collaborato con l'Orchestra dell'Università di Padova, con l'orchestra "Camerata Musicale Vicentina", con la "Mozart Chamber Orchestra" e con "L'arte dell'Arco" (orchestra barocca di Padova). E' direttore del gruppo vocale Neomenia Ensemble e del coro Ergo Cantemus. Dal 2002 al 2007 ha insegnato presso la Scuola Civica di Musica di Este. E' laureato in Giurisprudenza presso l'Università di Bologna. E' organista presso la Chiesa di S. Girolamo in Este.

ERGO CANTEMUS
Sorto nel 1985, il coro "Ergo Cantemus" di Este (Pd) si è consolidato nell'attuale formazione nell'autunno del 1990. Il Coro svolge attività concertistica in Italia ed all'estero, invitato da Enti ed Associazioni culturali, proponendo programmi diversi ed anche originali, tratti da un vasto repertorio che comprende gli aspetti più significativi della produzione corale sia a cappella che concertante, dal canto gregoriano alla polifonia sacra e profana, romantica e moderna, al folclore italiano ed internazionale. Partecipa inoltre a Rassegne musicali, Festivals e Concorsi, riscuotendo lusinghieri consensi di pubblico e di critica: ha rappresentato l'Italia alla Rassegna Internazionale «Alpe Adria» di Pordenone, agli «Incontri Polifonici Internazionali» di Pescara. Ha effettuato tournee in Svezia, al « Watten festiva 1 » di Stoccolma, in collaborazione con il S. Jacob's Chamber Choir diretto dal M° Gary Graden, a Berlino, Rotenburg (Germania), Praga, Zurigo.Ha collaborato con l'«Athestis Chorus» alle incisioni ed alle esecuzioni della
Messa Arcaica di Franco Battiato - in occasione del concerto per la giornata mondiale della pace indetta dall'ONU ad Assisi - e della Sinfonia n. 9 di Ludwig van Beethoven, con l'Orchestra di Padova e del Veneto diretta da Peter Maag.
Tra i vari riconoscimenti ottenuti sono da segnalare: il primo premio al Concorso Corale Interregionale di Treviso, il primo premio (sezione cori misti) al Concorso Polifonico Nazionale di Guastalla (RE), il terzo premio al Concorso Nazionale di Canto Gregoriano di Guastalla ed il primo premio al XXVIII Concorso Nazionale di Vittorio Veneto. Nel 2000 ha festeggiato i quindici anni di attività con l'esecuzione del Requiem K 626 di W. A. Mozart nel Duomo di Este, con l'Orchestra da Camera A. Salieri e riproposto nel 2004 in varie repliche nel Veneto con l'Orchestra dell'Università di Padova e il Concentus Musicus Patavinum. Nel 2005 ha collaborato con l'orchestra "Camerata Musicale Vicentina" sotto la direzione del M° Nicola Guerini, riscuotendo lusinghieri consensi. Nel 2006, in occasione del 250° anniversario della nascita di W. A. Mozart, ha collaborato con la Mozart Chamber Orchestra nell'esecuzione della
Krónungs-Messe KV 317.
Nel 2007 ha eseguito il Vespero della beata Vergine Maria di F.Cavalli per doppio coro con l'orchestra barocca di Padova "L'arte dell'Arco". La collaborazione e stima di affermati compositori italiani (tra i quali L. Donati, R. Di Marino, G. Bini, M. Zuccante, G. Bonato, S. Da Ros, M. Capuzzo) ha portato alla realizzazione per la Velut Luna del cd "ergo cantemus ", che raccoglie alcune "canzoni" inedite dedicate al coro. È stato diretto sin dalla sua fondazione dal M° Filippo Maria Bressan. Dal 2001 è diretto dal M° Alberto Padoan.


CONCENTUS MUSICUS PATAVINUS - Università degli Studi Coro Grande

li "Coro Grande" del Concentus Musicus Patavinus, è formazione aperta, composta prevalentemente da universitari (studenti italiani e stranieri, corpo  docente, personale amministrativo, ma anche semplici appassionati alla ricerca di un coro), in numero variabile, tra i 30 ed i 50 elementi circa. Considerando la particolare vita degli studenti ed il fatto che la durata media di permanenza in coro è di due/tre anni, si può ben capire che il "ricambio" di coristi è annuale e cospicuo.

L'attività condotta all'interno del gruppo corale si ripropone di "formare" nuovi coristi,. Molti sono coloro che, di fatto, poi confluiscono, terminati gli  studi, in altre formazioni corali, anche di grande prestigio.

Soprattutto si vuole dare un'opportunità agli studenti di oggi e...di una volta.... (a tutti, anche quelli che non hanno una gran propensione ma magari tanta buona volontà) di "fare musica", la scuola italiana trascura inmaniera evidente quest'aspetto, e di affrontare brani e repertori che altrimenti sarebbero difficilmente raggiungibili in altri ambiti (per esempio: le composizioni per coro ed orchestra, quali la Kronungmesse di Mozart, Requiem di Mozart, Carmina Burana di C. Orff, Faurè Requiem, G. Verdi Requiem, questi ultimi eseguiti a Berlino in occasione dei Mitsingkonzert 2007 e 2008, nel 2009 la Messa di Gloria di Puccini, eseguita a Friburgo nell'ambito dei gemellaggi con la città di Padova), con risultati musicalmente lusinghieri.
Sono previsti, corsi di lettura della musica per chi effettivamente parte da  zero, e corsi/incontri di vocalità, per dare ad ognuno la possibilità di scoprire e porgere correttamente la propria voce.

Le prove hanno tradizionalmente cadenza bisettimanale.

Nessuna specializzazione del repertorio, ma uno sguardo alla musica corale nella sua totalità temporale e geografica, compresi anche momenti di musica popolare e tradizioni goliardiche.
Il Coro Grande presenzia tradizionalmente alle cerimonie di conferimento delle lauree Honoris Causa, ed ha inoltre collaborato negli spettacoli organizzati dalla mitica band goliardica "Vitaliano Lenguazza".


La rabbia che fa male al cuore Gli eventi che aumentano il rischio di infarto Quali aspetti della vita quotidiana possono aumentare il rischio di infarto o di problemi cardiaci di altra natura? Il sesso, le arrabbiature, il tifo sono elementi in grado di fare la differenza? A rispondere è il convegno di esperti di Fibrillazione atriale e infarto che si è tenuto a Bologna. Al primo posto come livello di pericolosità c'è la rabbia intensa, che fa aumentare il rischio di infarto fino a 9 volte nelle ore immediatamente successive alla crisi. Ciò è dovuto all'aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, con conseguente alterazione degli equilibri ormonali dell'organismo, il che favorisce la rottura di una placca aterosclerotica. Anche il lavoro fa la sua parte, facendo crescere di 6 volte il pericolo di problemi cardiaci, mentre il tifo allo stadio o davanti alla tv è responsabile di un aumento di 4 volte di questa probabilità. Alessandro Capucci, ... (Continua) leggi la 2° pagina
 
 
 
 
Click per previsioni Padova, Italy Forecast
Torna ai contenuti | Torna al menu